I falsi MITI sui vaccini: il decalogo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità


mondodonna_2015-16_evento_3-01_vaccini_clinica_mediterraneaQuanto vale una corretta informazione in tema di salute? A volte la vita! Negli ultimi anni, falsi allarmi, successivamente ritenuti infondati, hanno fatto proliferare una serie di notizie sulla pericolosità dei vaccini. La conseguenza è stata il calo del 20-30% delle vaccinazioni con un aumento di alcune centinaia di morti a causa dell’influenza ed il ritorno del morbillo negli Stati Uniti. La portata del problema è tale che l’OMS ha deciso di stilare un decalogo per sfatare i principali falsi miti sui vaccini: il vaccino contro difterite, tetano e pertosse e quello contro la poliomielite sono responsabili della sindrome della morte in culla?, dare a un bambino più di un vaccino per volta aumenta il rischio di eventi avversi pericolosi, sovraccaricandone il sistema immunitario? I vaccini possono portare l’autismo?….A questi e ad altri falsi miti daremo risposta durante l’evento “I falsi miti sui vaccini”.

Ce ne parleranno:
Franco Rengo, Professore Emerito di Medicina geriatrica Università “Federico II”, Napoli

Walter Ricciardi, Professore Ordinario di Igiene, Università Cattolica del Sacro Cuore (Roma) e Presidente Istituto Superiore di Sanità

Paolo Siani, Presidente ACP associazione culturale pediatri

Maria Triassi, Direttore Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II” e Componente Commissione Vaccini Regione Campania

Moderati da Silvestro Scotti, Presidente Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Napoli e Vice Segretario Nazionale Vicario FIMMG

Clicca sulle sezioni per i contenuti extra

Interviste varie

Intervista Paolo Siani

Intervista Franco Rengo

Intervista Walter Ricciardi

Intervista Silvestro Scotti

Pillole video

Celeste Condorelli - Introduzione ai lavori

Walter Ricciardi - Relatore

Franco Rengo - Relatore

Maria Triassi - Relatore

Silvestro Scotti - Moderatore

Question time

Le domande del pubblico

Comunicato stampa

COMUNICATO STAMPA 

I FALSI MITI SUI VACCINI: IL DECALOGO DELL’ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA’

MERCOLEDI’, 9 DICEMBRE ALLE ORE 17, IL TERZO APPUNTAMENTO DI MONDO DONNA, LA RASSEGNA DELLA CLINICA MEDITERRANEA DEDICATA AI “FALSI MITI” DELL’UNIVERSO FEMMINILE E DELLA SALUTE DELLA FAMIGLIA IN GENERALE

La Campania sotto la media nazionale: la copertura per le vaccinazioni dell’età pediatrica per l’anno 2014 è di poco al di sopra del 93% per le obbligatorie e all’87,7% per il morbillo, parotite e rosolia.

Napoli, 7 dicembre 2015 – Quanto vale una corretta informazione in tema di salute? A volte la vita! Negli ultimi anni, falsi allarmi, successivamente ritenuti infondati, hanno fatto proliferare una serie di notizie sulla pericolosità dei vaccini. La conseguenza è stata il calo del 20-30% delle vaccinazioni con un aumento di alcune centinaia di morti a causa dell’influenza ed il ritorno del morbillo negli Stati Uniti.

 

La Regione Campania, poi, è sotto la media nazionale: la copertura per le vaccinazioni dell’età pediatrica per l’anno 2014 è di poco al di sopra del 93% per le obbligatorie e all’87,7% per il morbillo, parotite e rosolia.

 

La portata del problema è tale che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha deciso di stilare un decalogo per sfatare i principali falsi miti sui vaccini: il vaccino contro difterite, tetano e pertosse e quello contro la poliomielite sono responsabili della sindrome della morte in culla? Somministrare ad un bambino più di un vaccino per volta aumenta il rischio di eventi avversi pericolosi, sovraccaricandone il sistema immunitario? I vaccini possono provocare l’autismo?

 

Si discuterà approfonditamente di questo e di altri falsi miti nel corso dell’incontro intitolato appunto “I falsi miti sui vaccini: il decalogo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità”, terzo appuntamento della rassegna ‘Mondo Donna’, che si terrà mercoledì 9 dicembre alle ore 17 presso la Clinica Mediterranea di Napoli.

Ospite di eccezione del terzo appuntamento della rassegna, ideata e promossa da Celeste Condorelli – Amministratore Delegato della Clinica Mediterranea – e dedicata ai “falsi miti” legati ai grandi temi dell’universo femminile e della salute della famiglia in generale, è Walter Ricciardi – Professore Ordinario di Igiene, Università Cattolica del Sacro Cuore (Roma) e Presidente Istituto Superiore di Sanità.

 

Dell’argomento, assieme a Walter Ricciardi e Celeste Condorelli, ne parleranno:
Franco Rengo, Professore Emerito di Medicina geriatrica Università “Federico II”, Napoli;

Paolo Siani – Presidente ACP associazione culturale pediatri;

Maria Triassi – Direttore Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II” e Componente Commissione Vaccini Regione Campania.

Modera Silvestro Scotti – Presidente Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Napoli e Vice Segretario Nazionale Vicario FIMMG.

“I moderni mezzi di comunicazione, come ad esempio internet, hanno portato sicuramente numerosi vantaggi ma, la facilità con cui le notizie possono propagarsi comporta che spesso le opinioni personali di alcuni utenti vengono lette come se fossero scoperte scientifiche – afferma Celeste Condorelli – La diffusione di false credenze, miti e notizie non verificate fanno sì che la percezione del rischio riguardi non solo il pericolo, che è misurabile, ma anche la paura che invece non è misurabile. Questo accade perché quando leggiamo un’informazione che contraddice ciò di cui siamo convinti, tendiamo a mettere in discussione l’informazione piuttosto che il nostro sistema di credenze e dunque noi stessi. Per questo motivo con Mondo Donna vogliamo offrire uno spazio in cui le persone possano trovare informazioni corrette, basate sull’evidenza scientifica, e porre direttamente i loro quesiti a relatori di comprovata esperienza”.

“Le vaccinazioni sono lo strumento più efficace per la protezione dalle malattie infettive – commenta Walter Ricciardi – Grazie a questo intervento sanitario alcune malattie, come il vaiolo, sono state eliminate o drasticamente contenute, consentendo di salvare milioni di vite e prevenire innumerevoli casi di malattie e le ben note complicanze a queste associate. Le vaccinazioni sono quindi raccomandate su larga scala con lo scopo di debellare le malattie, proteggere il singolo individuo e la collettività. Investire nelle vaccinazioni significa promuovere la qualità di vita e tutelare la salute della popolazione, assicurando anche significativi risparmi in termini di assistenza e spesa sanitaria future”.

 

I NUMERI SUI VACCINI

 

Lo stato di allarme collettivo ingiustificato e diffuso anche sui social ha fatto si che le vaccinazioni in Italia siano in caduta libera, e secondo l’Istituto Superiore di sanità si è raggiunto ad oggi il limite della soglia di sicurezza. Secondo i dati 2014, le coperture contro poliomielite, tetano, difterite ed epatite B sono scese al di sotto del 95%, il valore minimo previsto dall’obiettivo del Piano nazionale di prevenzione vaccinale 2012-2014.

 

La percentuale scende ulteriormente per le vaccinazioni raccomandate contro il morbillo, la parotite e la rosolia che, calando di oltre il 4% in appena un anno, raggiungono una copertura di appena l’86%, allontanando di fatto l’obiettivo dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) di eliminazione del morbillo dal continente europeo entro il 2015.

 

La situazione in Campania è ancora peggiore, al di sotto della media nazionale per praticamente tutte le vaccinazioni. La copertura per le vaccinazioni dell’età pediatrica per l’anno 2014 è di poco al di sopra del 93% per le obbligatorie e all’87,7% per il morbillo, parotite e rosolia. Per non parlare della copertura contro pneumococco (76,6%) di oltre 10 punti al di sotto della media nazionale e della copertura contro il meningococco C (42,7%), di oltre 30 punti al di sotto della media delle regioni italiane.

 

 

IL DECALOGO DELL’ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA’

 

  • I vaccini sono associati a effetti dannosi a lungo termine ancora sconosciuti e che possono essere anche fatali: falso. I vaccini in uso sono molto sicuri, la maggior parte delle reazioni avverse sono in genere lievi e transitorie e gli eventi gravi molto rari. I benefici delle vaccinazioni superano il rischio.

2) Migliorando le misure igieniche e sanitarie verranno eradicate tutte le malattie e i vaccini non saranno più necessari: falso, perchè le malattie prevenibili con vaccino si possono diffondere indipendentemente dal livello di igiene.
3) Nel mio Paese le malattie prevenibili con i vaccini son quasi eradicate: falso, bisogna continuare a vaccinarsi, perchè gli agenti infettivi continuano a circolare e possono varcare i confini.
4) Il vaccino contro difterite, tetano e pertosse e quello contro la poliomielite sono responsabili della sindrome della morte in culla (sids): falso, non esiste alcun nesso di causalità.
5) Le malattie prevenibili con i vaccini sono un fatto negativo che fa parte della vita: falso. Morbillo, parotite e rosolia possono causare complicazioni serie come polmonite, encefalite, cecità, diarrea, infezioni dell’orecchio, sindrome da rosolia congenita e morte.
6) Dare a un bambino più di un vaccino per volta aumenta il rischio di eventi avversi pericolosi, sovraccaricandone il sistema immunitario: falso, non ci sono scientifiche che lo dimostrano.
7) L’influenza è solo un disturbo e il vaccino non è molto efficace: falso. È una malattia talvolta grave responsabile di 300-500mila morti ogni anno nel mondo. La vaccinazione è il modo migliore per ridurre la probabilità di malattia grave e di contagio.
8) E’ meglio essere immunizzati dalla malattia che dai vaccini: falso, perchè i vaccini interagiscono con il sistema immunitario senza causare la malattia ed esponendo le persone al rischio di complicazioni.
9) I vaccini contengono mercurio che è pericoloso: falso. Il tiomersale è un composto organico contenente mercurio, aggiunto ad alcuni vaccini come conservante. Non ci sono prove che la quantità di tiomersale utilizzata nei vaccini comporti rischi per la salute. In Italia sono utilizzati vaccini che non contengono tiomersale.
10) Legame con autismo: falso, non ci sono prove di un legame tra il vaccino contro morbillo-parotite-rosolia e questa malattia.

Rassegna stampa

Visita l’apposita sezione per la rassegna aggiornata

Rassegna stampa