TAC


Che cos’è la TAC?

La TAC è una procedura diagnostica radiologica che consente di analizzare il corpo umano visualizzandolo in strati.

La TAC o TC è un’apparecchiatura molto utilizzata, in elezione od in emergenza, in quanto consente di ottenere importanti informazioni in tempi molto brevi.

Si tratta di un esame radiologico che utilizza raggi X per acquisire multiple immagini, che poi vengono rielaborate da un software, che permette una visualizzazione tridimensionale del distretto analizzato.

Le TC forniscono molte più informazioni delle radiografie convenzionali, in particolare nel caso dei vasi sanguigni e dei tessuti molli.

 L’esame consente di studiare qualsiasi distretto del corpo umano.

Al fine di visualizzare meglio le fasi vascolari, o di caratterizzare organi e tessuti, si può ricorrere all’utilizzo del mezzo di contrasto iodato per via endovenosa; per la TC dell’addome, del torace, del cuore o dei vasi, lo scopo è quello di visualizzare la distribuzione del mezzo di contrasto studiando le fasi vascolari (arteriosa e venosa e tardiva) di organi e tessuti.

Per l’utilizzo del mezzo di contrasto è necessario il digiuno di qualche ora e vengono solitamente richiesti alcuni semplici esami del sangue, per accertarsi ad esempio che la funzionalità renale sia buona. L’utilizzo del contrasto comporta il rischio, seppur molto basso, di allergie.

TAC multistrato/TAC spirale

revolutionevo3Le più recenti apparecchiature utilizzano una sofisticata tecnica che consente di ottenere dati relativi a un volume corporeo e non a un singolo strato; le TAC che utilizzano questa metodica sono dette “a spirale”.

Ancora più recenti sono poi le TAC multistrato (multislice, multidetettore), che consentono una qualità delle immagini notevolissima, una considerevole riduzione dei tempi di esame e la possibilità di acquisire l’intero volume corporeo di interesse in un’unica breve apnea.

La Mediterranea si è recentemente dotata di un’innovativa TAC multislice (multistrato)  da 128 strati REVOLUTION EVO della General Electric. Si tratta di un’apparecchiatura di ultima generazione progettata per supportare la più ampia gamma di applicazioni e i tipi di pazienti più diversi, dai pazienti con traumi complessi o problemi cardiaci ai pazienti obesi in attesa di trattamento nei reparti di pronto soccorso spesso affollati e a corto di risorse con flussi di lavoro intensi.

Punti di forza della TAC REVOLUTION EVO sono:

  • eccellente risoluzione spaziale delle immagini ottenute
  • la significativa riduzione della dose di radiazioni. Infatti, grazie ad un metodo di ricostruzione iterativa è possibile ottenere una riduzione della dose fino all’82%;
  • la velocità di esecuzione degli studi.

A COSA SERVE LA TAC?

Sono molti i campi di utilizzo della TAC, da quello neurologico a quello scheletrico, toracico, addominale, ginecologico, ma anche cardiologico e vascolare.

La TAC è molto utile nello studio delle strutture scheletriche anche se per le articolazioni (spalla, gomito, polso, mani, ginocchio, piede), è preferibile usare la risonanza magnetica, tranne che in casi particolari.

La TAC viene utilizzata per visualizzare gli effetti dei traumi cranici con particolare attenzione alla presenza di eventuali emorragie.

La TAC può essere utilizzata come sostitutiva di indagini più invasive, come le angiografie o le coronarografie (coronaro-TC), seguendo le linee guida internazionali in atto.

QUANTO DURA L’ESECUZIONE DELLA TAC? 

tacLa durata dell’esame varia in base alla parte del corpo da analizzare e dal tipo di sospetto diagnostico da confermare. La nuova REVOLUTION EVO della GE, disponibile presso la radiologia della clinica Mediterranea, consente di eseguire più studi in tempi ridotti. L’ automatizzazione delle operazioni, dalla preparazione del paziente alla post-elaborazione delle immagini acquisite, permettono di migliorare l’efficienza del flusso di lavoro del 40%.

La minore durata di esecuzione dell’esame è un vantaggio del paziente anche in termini di comfort.

PREPARAZIONE ALLA TAC

Non è prevista una particolare preparazione all’esame quando non viene richiesta la somministrazione di mezzo di contrasto. In quest’ultimo caso, invece, vengono prescritte delle analisi del sangue che servono per verificare il corretto funzionamento e dei reni. Sarà necessario, inoltre, praticare il digiuno almeno 4 ore prima dell’esecuzione dell’esame TAC.

Per l’esecuzione della TAC il paziente verrà fatto accomodare sul lettino, sarà il tecnico radiologo ad indicare la corretta posizione. Durante l’esame il lettino si muoverà lentamente in senso orizzontale per effettuare l’acquisizione delle immagini.

TAC: POSSIBILI EFFETTI COLLATERALI

La TAC non è un esame doloroso. Al contrario della risonanza magnetica comporta l’impiego di radiazioni ionizzanti, per questo motivo viene generalmente sconsigliata alle donne gravide.

Gli effetti collaterali sono da ricondursi principalmente ai casi di allergia al mezzo di contrasto, nei casi in cui venga utilizzato.

DIFFERENZA TRA TAC E RISONANZA

Sia la RMN che la TAC sono metodiche di diagnostica per immagini; la prima utilizza un campo magnetico e delle radiofrequenze per l’esecuzione dell’esame, la TC invece utilizza i raggi x.

Nella TC, durante l’esame, vengono emesse delle radiazioni che attraversano il corpo del paziente e poi vengono rilevate da detettori. L’analisi computerizzata dei dati rilevati dai detettori forma l’ immagine TC.

La Risonanza Magnetica utilizza, invece, il segnale di risposta dei tessuti immersi in un campo magnetico agli stimoli di frequenze radio emessi da antenne.

La scelta del tipo di esame da effettuare è sempre demandata allo specialista che sceglierà in base alla patologia da diagnosticare.

TIPI DI ESAMI TAC

La TAC può essere utile per esaminare diversi distretti corporei, in particolare è possibile effettuare:

TAC addominali: la TC all’addome studia le strutture dell’addome: vasi sanguigni, fegato, pancreas e reni.

Viene utilizzata per indagare tra l’altro:

  • la presenza di emorragie interne,
  • per verificare l’efficacia di terapie tumorali,
  • per problemi di natura infiammatoria o infettiva,
  • per verificare o escludere la presenza di lesioni neoplastiche

TC al torace: permette di indagare i bronchi, i polmoni e i vasi toracici. Può essere utile, ad esempio, in caso di:

  • - patologie infettive dei polmoni,
  • - infiammazioni,
  • - lesioni neoplastiche
  • - patologie autoimmuni.

 

La TC al torace può essere utile anche per indagare eventuali patologie cardiovascolari a carico dell’aorta, delle arterie polmonari e dei grossi vasi.

Sono, inoltre i seguenti esami TC:

– alla spalla,

– agli arti,

– al bacino,

– alla cervicale,

– agli arti,

– cerebrale,

– collo,

– dorsale,

– total body.

PRENOTA ORA

Solo da smartphone e per le prestazioni di Diagnostica per immagini è possibile prenotare via Whatsapp. Clicca sul seguente pulsante per avviare una chat con l’ufficio prenotazioni, oppure salva il numero per avviare una chat in seguito +39 320 79 25 862 (il numero non è attivo per le chiamate vocali).

CHAT