Loading Eventi

« All Eventi

  • This evento has passed.

HIGH RISK AORTIC VALVE SURGERY: THE CHALLENGES OF ALTERNATIVE STRATEGIES

8 maggio 2017 @ 14:30 - 18:40

| Libero
cuore

Il trattamento delle valvulopatia aortica in questi ultimi anni è cambiato. Mentre da una parte la tecnica chirurgica convenzionale ha oggi una mortalità che in condizioni non estreme si avvicina allo zero e complicanze davvero esigue, dall’ altra metodiche alternative meno invasive (TAVI) o tecnicamente più semplici (valvole sutureless) sono utilizzate in pazienti inoperabili o a alto rischio.

In questa prospettiva assumono particolare rilevanza sia la valutazione preoperatoria, che si beneficia di metodiche sempre più sofisticate (bioumorali, ecografiche, RMN), della severità della patologia valvolare, sia lo studio delle degenerazioni che negli anni subiscono le nuove protesi collassate e acutamente espanse.

Una riflessione su questo mutato scenario, che indirizzi ad una scelta terapeutica ottimale per il singolo paziente, sembra opportuna e viene proposta in questo Mediterranea Symposium da noti esperti ai cultori della cardiologia, cardiochirurgia, anestesia, ai perfusionisti e ai discenti nelle scuole di specializzazione e nei corsi di laurea.

Prof. Luigi Chiariello

chirurgia valvola aortica 1

Contenuti extra

Comunicato stampa

Comunicato stampa

 Lunedì 8 maggio si svolge a Napoli nell’Auditorium della Mediterranea, struttura ospedaliera a alta specialità, con la direzione scientifica del prof. Luigi Chiariello, un Cardiac Surgery Symposium sulle attuali strategie diagnostiche e terapeutiche alternative nel paziente con malattia valvolare aortica ad alto rischio.

In effetti il trattamento della valvulopatia aortica in questi anni è progressivamente cambiato. Mentre da una parte la tecnica chirurgica convenzionale ha raggiunto un rischio molto basso con una mortalità che in condizioni non estreme si avvicina allo zero e complicanze davvero esigue, dall’altra metodiche alternative meno invasive utilizzanti tecniche transcatetere percutanee (TAVI) o chirurgiche semplificate (valvole impiantate senza punti di sutura, sutureless) sono impiegate in pazienti inoperabili o a alto rischio.

In questa prospettiva assumono particolare rilevanza sia la valutazione preoperatoria della severità della patologia valvolare con metodiche sempre più sofisticate (risonanza magnetica, bioumorali, ecografiche), sia lo studio delle degenerazioni che negli anni subiscono le nuove protesi valvolari collassate e acutamente espanse al momento dell’impianto.

Il Simposio – ha dichiarato il prof. Chiariello, Presidente della Mediterranea – propone una riflessione su questo mutato scenario, che indirizzi a una scelta terapeutica ottimale per il singolo paziente”. Ad esso partecipano noti esperti internazionali fra cui il prof. Federico Gentile, membro della Task Force dell’American Heart Association sulle Linee Guida, il prof. Gaetano Thiene dell’ Università di Padova, il prof. Pasquale Mastroroberto dell’ Università di Catanzaro, il prof. Giovanni Esposito dell’ Università Federico II di Napoli,  il dr. Giovanni Troise della Fondazione Ospedale Poliambulanza di Brescia, il prof. Enrico Coscioni dell’ Ospedale S. Giovanni di Dio di Salerno, il dr. Carlo Briguori del Centro Cuore della Mediterranea.

Le iscrizioni al Mediterranea Symposium sono gratuite fino a esaurimento dei posti e numerose sono già pervenute da tutta Italia da parte di cultori della cardiologia, cardiochirurgia, anestesia, perfusionisti e discenti delle scuole di specializzazione e corsi di laurea.

 

 

Dettagli

Data:
8 maggio 2017
Ora:
14:30 - 18:40
Prezzo:
Libero
Evento Category:

Luogo

Villa Matarazzo
Corso Sen. A. Matarazzo
Santa Maria di Castellabate, Salerno 84048 Italia
+ Google Map: