Ambulatorio pneumologia


AMBULATORIO PNEUMOLOGIA

Per informazioni e prenotazioni contattare il Call center: 081 7259 222 (Clicca qui per informazioni sugli orari) oppure allo 081 7259 200 – 081 7259 326

In alternativa clicca sul seguente pulsante per farti richiamare:

PRENOTA ORA

PRINCIPALI ATTIVITÀ AMBULATORIO PNEUMOLOGIA

Nell’ambulatorio di pneumologia vengono diagnosticate le principali patologie polmonari, neoplastiche e pleuriche. Viene inoltre trattata l’insufficienza respiratoria cronica nei pazienti affetti da patologie ostruttive o restrittive polmonari.

L’ambulatorio di pneumologia della Mediterranea è particolarmente specializzato nel trattamento della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO)

 

BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO): SCOPRIRLA PRESTO …PER UN TRATTAMENTO EFFICACE !!!!

La BPCO è una malattia cronica ed invalidante, molto diffusa nel nostro paese, ma spesso sottovalutata anche dal paziente che, malgrado la presenza di tosse cronica, espettorato o difficoltà di respiro, non parla di questi sintomi con il proprio medico, se non quando questi incidono sulla vita di tutti i giorni. Le cause del lungo periodo tra insorgenza dei primi sintomi e diagnosi sono diverse e bisogna operare uno sforzo congiunto, da parte del medico e del paziente, perché il riconoscimento della malattia avvenga il prima possibile.

 

DIAGNOSI DELLA BPCO

Per porre una diagnosi sicura di BPCO è indispensabile sottoporsi ad una consulenza medica  pneumologica  ed ad un semplice test della funzione polmonare: la cosiddetta spirometria, prescritto e praticato  dallo stesso pneumologo .

La diagnosi precoce è importante. Quando viene diagnosticata la BPCO, spesso la malattia è a uno stadio avanzato perché le persone colpite consultano il medico troppo tardi quando il polmone è irrimediabilmente compromesso .

Per questa ragione, il test della funzione polmonare (SPIROMETRIA) insieme allo STOP dell’Abitudine Tabagica rivestono un ruolo importante nella diagnosi e prevenzione della BPCO.

La BPCO non è guaribile, tuttavia i farmaci broncodilatatori aiutano la respirazione. L’esercizio fisico svolto con regolarità aumenta l’efficienza fisica. In uno stadio avanzato della malattia (nella Insufficienza Respiratoria  Cronica o IRC) si associa alle altre terapie l ’ossigeno terapia a lungo termine (OLT) con ossigeno mediante particolari apparecchi (contenitori per ossigeno liquido e/o concentratori  di ossigeno)

 

COSA FARE SE IL MEDICO DIAGNOSTICA UNA BPCO?

ALCUNI CONSIGLI :

La BPCO è una malattia progressiva e invalidante che causa un deterioramento della funzionalità respiratoria sempre più grave col passare del tempo ed è anche legata allo stile di vita che si conduce.

Nel corso della sua evoluzione può portare più o meno rapidamente all’insufficienza respiratoria e perciò richiede molta attenzione da parte di chi ne è affetto.

Si può fare molto per migliorare la qualità della vita e ridurre i disagi della malattia.

Per prima cosa si deve essere attivamente partecipi alla sua gestione ed avere un buon dialogo col proprio medico.

Ecco alcune raccomandazioni :

  • se sei fumatore, smetti di fumare il prima possibile;
  • rivolgiti al tuo medico di medicina generale (MMG) che, se necessario, ti invierà ad un centro specializzato .dove potrai trovare una risposta a questi problemi;
  • evita di respirare fumo passivo;
  • pretendi che la legge per la tutela della salute dei non fumatori venga rispettata;
  • segui il piano di cura prescritto dal medico (assumi regolarmente i farmaci consigliati, segui le norme di comportamento consigliate, assicurati con il tuo medico di assumere correttamente i farmaci per via inalatoria, segui le indicazioni su cosa fare in caso di aggravamento);
  • chiedi una copia scritta del piano di cura al tuo medico;
  • effettua la vaccinazione antinfluenzale ogni anno e la vaccinazione antipneumococcica ogni 5 anni;
  • prendi le precauzioni necessarie per cercare di evitare le infezioni delle prime vie respiratorie, in particolare le forme influenzali;
  • esegui controlli periodici e regolari con la periodicità che ti consiglia il tuo medico, anche se ti senti abbastanza bene;
  • segui i programmi di riabilitazione che ti vengono proposti, con costanza regolare;
  • chiedi al tuo medico maggiori informazioni e una documentazione scritta sulla malattia;
  • cerca di non esporti all’inquinamento sia in casa (fumi, polvere, detersivi forti,ecc) sia fuori casa (traffico, ambienti comunque inquinati);
  • se puoi, trascorri qualche ora o qualche giorno in ambienti salubri (parchi, giardini, città non inquinate, mare o montagna), cerca di seguire un’alimentazione sana e un’attività fisica regolare.

Avere la BPCO può comportare modifiche anche importanti della propria vita, per esempio la necessità di ridurre talune attività, professionali o sociali.

In molti casi, è necessario poter contare sulla disponibilità di familiari o altri per essere aiutati nello svolgimento delle normali anche piccole attività quotidiane: non vergognartene, nessuno ti vorrà meno bene per questo.

 

CHE COS’E’ LA BPCO?

BPCO sta per Bronco Pneumopatia Cronica Ostruttiva, termine utilizzato per indicare due malattie molto diffuse, chiamate finora bronchite cronica ed enfisema polmonare, che spesso coesistono nello stesso paziente.

Molte linee guida sulla BPCO ed in particolare le RACCOMANDAZIONI GOLD  (Iniziativa Globale per la BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva, in inglese Global Initiative for Chronic Obstructive Lung Disease), adottate in Italia forniscono la seguente definizione:

la broncopneumopatia cronica ostruttiva è un quadro nosologico caratterizzato da una persistente ostruzione al flusso aereo. Questa riduzione del flusso è di solito progressiva ed associata ad un’abnorme risposta infiammatoria all’inalazione di fumo di sigaretta o di particelle e gas nocivi.

  • La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è una malattia respiratoria cronica prevenibile e trattabile associata a significativi effetti e comorbidità extrapolmonari che possono contribuire alla sua gravità.
  • Le alterazioni broncopolmonari sono costituite da una ostruzione al flusso persistente ed evolutiva legata a rimodellamento delle vie aeree periferiche ed enfisema.
  • L’ostruzione, il rimodellamento delle vie aeree periferiche e l’enfisema sono dovuti ad una abnorme risposta infiammatoria delle vie aeree, del parenchima polmonare e sistemica all’inalazione di fumo di sigaretta o di altri inquinanti.
  • La BPCO si associa frequentemente ad altre malattie croniche, definite co-morbidità.

Quali sono le principali comorbidità?

Le principali comorbidità sono:

  • insufficienza cardiaca cronica
  • coronaropatia e infarto miocardico
  • vasculopatia periferica
  • embolia polmonare
  • aritmie
  • neoplasia polmonare
  • sindrome metabolica
  • osteoporosi
  • depressione

In definitiva, si tratta di una malattia progressiva e invalidante che causa un deterioramento della funzionalità respiratoria, attraverso un’ostruzione irreversibile delle vie aeree e una distruzione di aree polmonari.

Si manifesta clinicamente con tosse e catarro cronici e progressiva mancanza di respiro, prima da sforzo poi nei casi gravi anche a riposo.

ASMA E BPCO: SIMILITUDINI E DIFFERENZE

È possibile distinguere la BPCO  dall’ ASMA BRONCHIALE ?

I sintomi che presenta il paziente con asma bronchiale persistente di grado severo sono molto simili a quelli di un paziente con BPCO, per cui la distinzione tra le due malattie non è sempre possibile.

QUALI SONO I PRINCIPALI SINTOMI DELL’ASMA?

Nei pazienti con asma bronchiale i sintomi insorgono fin dall’età più giovanile, i pazienti hanno spesso una condizione di “atopia” ed una familiarità per asma.

I sintomi dell’asma variano da persona a persona e, nella stessa persona, possono variare di giorno in giorno e anche nella stessa giornata e si presentano soprattutto durante il periodo notturno o nelle prime ore del mattino.

Spesso coesiste una condizione di iperreattività bronchiale (irritabilità bronchiale) con comparsa di tosse e/o asma a stimoli irritanti come freddo, fumo, profumi, polvere ,ecc, anche se essa non è del tutto specifica, in quanto può essere presente, seppure meno frequentemente, anche nella bronchite cronica ed in altre condizioni morbose respiratorie.

La reversibilità completa o quasi completa dell’ostruzione bronchiale dopo somministrazione di broncodilatatori a rapida azione depone in favore di una diagnosi di asma bronchiale.

QUALI SONO I PRINCIPALI SINTOMI DELLA BPCO?

La BPCO ha una insorgenza più tardiva, nelle età medie della vita, con sintomi lentamente progressivi riferiti da pazienti che normalmente sono o sono stati fumatori. Una caratteristica abbastanza tipica di questi malati è dapprima la tosse cronica produttiva, poi un aumento progressivo della difficoltà di respiro, prima in occasione di sforzi più o meno intensi e, quindi, nelle fasi più avanzate della malattia, anche a riposo. In genere, le crisi del respiro non insorgono in modo improvviso come in chi ha l’asma.

Nella maggioranza dei casi di BPCO la spirometria indica un’ostruzione bronchiale irreversibile o scarsamente reversibile.

Staff

Staff Ambulatorio Pneumologia



Dott. Bruno del Prato

|   Medico Pneumologo   |   Ambulatorio pneumologia